AD UN PASSO DAL MERITATO PAREGGIO:

A San Martino cadono ancora i Giovanissimi di mister Marco Castellarin, in un match tirato fino all’ultimo minuto contro lo Spilimbergo. Ma le sensazioni che lascia questa sconfitta sono comunque positive

Partono subito alla carica gli ospiti che nei primi cinque minuti di gioco mettono sotto il Calcio Aviano; sugli sviluppi di un calcio d angolo è il nostro numero 1 Mattia Rossetto che nega la gioia del gol allo Spilimbergo, superandosi. Dopo i primi minuti di paura il Calcio Aviano esce dalla propria metà campo. Alì El Dagmouny vince un duello in velocità, serve la palla ad Antonio Cardone, il quale però a tu per tu con il portiere cicca la palla e l’occasione per il vantaggio. Lo Spilimbergo pian piano prende metri, con i due attaccanti che mettono a ferro e fuoco la difesa avianese; ma la difesa giallonera regge, fino alla metà del primo tempo, quando lo Spilimbergo trova il vantaggio su un calcio d’angolo dove i nostri perdono le marcature e il centravanti biancoazzurro può insaccare indisturbato. La squadra di Castellarin subisce il colpo e lo Spilimbergo prende coraggio, trovando il 2-0 grazie ad un tiro da oltre trenta metri che beffa un Rossetto incolpevole: da applausi il gol del giovane giocatore dello Spilimbergo, autore di un gol di pregevole fattura.

Nel secondo tempo con l’ingresso di Suppressa in attacco, il Calcio Aviano prende coraggio e prova a ribaltare la partita in tutti i modi. Ci vanno vicino Edoardo Mengoni ed Antonio Cardone, ma la difesa spilimberghese regge. Un Calcio Aviano spinto in avanti rischia molto sulle ripartenze degli ospiti, che però non finalizzano, grazie ad ottime opposizioni di Rossetto e della coppie di centrali Chisu-Mircea. Poco dopo i gialloneri, a testa bassa, riescono a trovare il gol con Edoardo Mengoni, grazie ad un cross tagliato che finisce beffardamente in gol. Il Calcio Aviano prende coraggio e negli ultimi 5 minuti prova il tutto per tutto, senza però trovare il gol di quello che sarebbe stato un meritato pareggio.

Peccato perché i ragazzi ci hanno provato fino alla fine a cambiare le sorti del match e questo fa ben sperare per il futuro, vista la voglia e la grinta mostrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *